Calendario incontri

luglio 12345678910111213141516171819202122232425262728293031 
agosto 12345678910111213141516171819202122232425262728293031 

Omaggio a Giovannino Guareschi - EGIDIO BANDINI

Sabato 21 Luglio ore 21.30 - Piazzale Pascoli Cervia - Piazzale Pascoli – Ascione in Viale Roma

Don Camillo. Un pastore con l’odore delle pecore - ed. Ancora 

Don Camillo. Un pastore con l’odore delle pecore - ed. Ancora

Conduce ILARIA BEDESCHI giornalista de Il Resto del Carlino

Interviene CAMILLA ANNONI nipote di Giovannino Guareschi

L’incontro è organizzato in collaborazione con l’Associazione Culturale Club dei Ventitre in occasione dei 110 anni dalla nascita e dei 50 anni della scomparsa di Giovannino Guareschi avvenuta a Cervia.

L'appuntamento rientra tra le iniziative di "Cervia ricorda Giovannino Guareschi" organizzate dal Comune di Cervia www.comunecervia.it.

Ore 21.30 – Piazzale Pascoli – Ascione in Viale Roma – Cervia

 

Il libro

Il libro: Don Camillo modello di prete? Esempio di come si deve essere - secondo un'espressione ormai proverbiale di papa Bergoglio - "pastori con l'odore delle pecore"? Sembrano affermazioni azzardate, eppure, leggendo il discorso di Francesco del novembre 2015, il messaggio appare chiaro: «Mi colpisce come nelle storie di Guareschi la preghiera di un buon parroco si unisca alla evidente vicinanza con la gente. Di sé don Camillo diceva: "Sono un povero prete di campagna che conosce i suoi parrocchiani uno per uno, li ama, che ne sa i dolori e le gioie, che soffre e sa ridere con loro"».

Lo si legge nelle pagine di Egidio Bandini, massimo conoscitore di Guareschi. Da ogni racconto della saga di "Mondo piccolo" emerge un’evidenza: don Camillo è il centro non solo della comunità cristiana, ma della vita del paese. Non è il prete teologo o burocrate, detesta la carriera tanto che quando viene fatto monsignore chiede di tornare a prendersi cura di tutte le sue anime, credenti e no. Don Camillo è nel senso letterale quello che una volta si chiamava "il curato", perché si prendeva cura delle pecore che gli erano state affidate.

Uno "stile" richiamato molto spesso da Francesco: fare il prete è stare in mezzo alla gente, amando indistintamente tutti i fratelli, senza inseguire le ambizioni del mondo. Bergoglio e don Camillo rompono lo schema conservatore/progressista, proprio perché il Vangelo rimane l'unico riferimento: quel Crocifisso che di Guareschi fu la coscienza e la guida. Pastori innanzitutto, lontani dal potere e vicini alle pecore.

Un libro unico, in cui Egidio Bandini rilegge in modo nuovo e originale i personaggi guareschiani e il loro "Mondo piccolo", che si rivela in realtà uno specchio fedele del "mondo grande" - colorato e animato dalla straordinaria fantasia creatrice di Giovannino Guareschi - in cui viviamo..

L'autore

Egidio Bandini: Sono nato e vivo da oltre mezzo secolo alla Bassa: perciò, anche salendo soltanto su una sedia, soffro di vertigini. Per sbarcare il lunario faccio il giornalista, scrivo sui giornali “Libero”, la “Gazzetta di Parma” e il nuovo “Candido” il che, affermano autorevoli colleghi, è sempre meglio che lavorare. Da 50 anni leggo le favole di Giovannino, ma non so decidere se riconoscermi nel camion del Crik o nella Moto Guzzi da Corsa del Breschi. E ci sto ancora pensando. Ho redatto e pubblicato i volumi: “Per l’antiche contrade – la Cortemaggiore del 1766”, “Cortemaggiore città d’arte”, “Quante storie… Giovannino!” e il nuovo “Visti da destra, visti da sinistra. I personaggi di Giovannino Guareschi” e Buon compleanno, don Camillo!

Ho collaborato alla redazione dei cataloghi usciti nel 2008 a corredo delle iniziative dedicate al centenario della nascita di Giovannino Guareschi per la Casa Editrice MUP di Parma.

Piazzale Pascoli Cervia - Piazzale Pascoli – Ascione in Viale Roma