Calendario incontri

luglio 12345678910111213141516171819202122232425262728293031 
agosto 12345678910111213141516171819202122232425262728293031 

Omaggio a Giovanni Falcone RICCARDO TESSARINI

Sabato 04 Agosto ore 21.30 - Viale Ravenna Mi.Ma - Viale Ravenna

Stato di abbandono. Il racconto di Giuseppe Costanza: uomo di fiducia di Giovanni Falcone – ed. Minerva

Omaggio a Giovanni Falcone

RICCARDO TESSARINI

Attivo nell’associazionismo da quindici anni, per la società editrice CityNews, ha ideato e curato il blog Il Cittadino                      

 Stato di abbandono. Il racconto di Giuseppe Costanza: uomo di fiducia di Giovanni Falcone – ed. Minerva

Interviene GIUSEPPE COSTANZA

Conduce l’editore ROBERTO MUGAVERO

Ore 21.30 – Viale Ravenna – Milano Marittima  

 

Il libro

Il libro: Prefazione: Ignazio De Francisci

Questa è la storia vera di un servitore dello Stato. Una storia nella quale crediamo possa riconoscersi, almeno in minima parte, ogni funzionario della Pubblica amministrazione italiana. E ritrovarsi, in qualche modo, ogni utente. È il racconto autobiografico di un uomo fuori dal comune, di un cittadino che ha fatto la sua parte, nel rispetto delle regole e onorando le Istituzioni, ma che, paradossalmente, all'indomani della strage di Capaci del 23 maggio 1992, dovette battersi contro un grande "muro di gomma" eretto da quello stesso Stato che aveva servito. Quest'uomo si chiama Giuseppe Costanza ed è un "illustre sconosciuto". Uno fra i tanti, per là verità,• questo Paese dalla memoria corta; uno di quei funzionari per i quali, nel migliore dei casi, il riconoscimento e la gratitudine durano il tempo di un'intervista. Dopodiché silenzio.

L'opera è narrata in prima persona ed è il frutto di molte interviste a Giuseppe Costanza che si racconta dall'infanzia ai giorni nostri. È anzitutto il racconto della vita di un uomo, oltre che di un cittadino eccezionale, che dal 1984 subisce una svolta dovuta all'ingresso nella ristretta cerchia degli uomini di fiducia di Giovanni Falcone. Numerosi sono i riferimenti al Giudice, ma anche gli aneddoti e le esperienze personali condivise con lui. Miracolosamente sopravvissuto all'attentato di Capaci del 23 maggio 1992, dopo l'esplosione dell'auto del Magistrato nella quale si trovava, da quel giorno inizia la sua vera odissea, che si protrarrà per oltre vent'anni. Emarginato dalle Istituzioni che aveva servito, isolato da personaggi popolari al di sopra di ogni sospetto, e strumentalizzato dai mezzi d'informazione, Costanza si trova a dover fare i conti anche con una macchina burocratica lenta e inefficiente. Insignito della Medaglia d'oro al valore civile, Costanza in questo libro racconta la battaglia per il riconoscimento di alcuni diritti fino ad allora non previsti per il personale civile della Pubblica Amministrazione. Diritti che oggi appartengono a tutti (L. 407/1998).

Le pagine di questo libro – scrive, nella Prefazione, Ignazio de Francisci – sono "aspre, a volte probabilmente troppo, e sono tristi, perché raccontano una Italia che non riesce a stare vicina ai suoi figli migliori. Raccontano di uno Stato che molti di noi, e tra questi Costanza, hanno servito con onore, ma che a volte risponde non come padre ma come il più crudele dei patrigni."

L'autore

L'autore – Riccardo Tessarini, nasce nel 1975. È originario di Cerea in provincia di Verona, ma, dal 2000, risiede a Forlì, dove si è laureato in Scienze Internazionali e Diplomatiche. Attivo nell'associazionismo da quindici anni, ha svolto servizio di volontariato per Amnesty International, Unicef e Pensiero e Azione.

Per la società editrice CityNews, ha ideato e curato il blog "Il Cittadino", focalizzato sulla partecipazione politica e l'impegno civico. Mazziniano, divora saggi su politica e società.

Ama l'interculturalità, la lettura, il cinema, la musica e la lingua italiana, spagnola, francese e inglese, dall'etimologia alle loro sfumature di suoni, accenti e pronunce. E naturalmente la loro scrittura. Questa è la sua opera prima.

 

Viale Ravenna Mi.Ma - Viale Ravenna